Fare business, lo sanno bene gli imprenditori, significa assumersi dei rischi. Esistono degli strumenti per ridurli: come la Centrale Rischi

Il rischio d’impresa, quando è controllabile

Alcuni rischi sono solo parzialmente controllabili, come, a esempio, la recente crisi legata alle materie prime, altri rischi invece, lasciano un margine di manovra più ampio, che dipende però dal grado di consapevolezza dell’impresa.

Un esempio su tutti è il rischio finanziario. È associato all’incertezza sui risultati finanziari generati dal movimento dei tassi d’interesse e da altri variabili finanziarie, ma è anche il rischio associato alla possibilità di non avere sufficienti risorse per l’operatività aziendale.

L’Azienda e il rischio finanziario

Per quale motivo un’Azienda dovrebbe prestare particolare attenzione al proprio rischio finanziario?

Nell’ultimo periodo, dati i cambiamenti in atto nei mercati, prestare attenzione alla propria situazione finanziaria potrebbe divenire un elemento imprescindibile.

L’accesso al credito da parte delle imprese (soprattutto per quelle medio-piccole) è ormai correlato alla capacità di mostrare una condizione aziendale equilibrata. Ciononostante non è sufficiente che vi sia un controllo sulla redditività da parte dell’Azienda, ma è opportuno valutare i livelli di indebitamento e i corretti utilizzi del capitale.

Quindi, al fine di avere accesso libero al credito, le Aziende devono prestare particolare attenzione al proprio rating. Le attività atte a migliorare il rating bancario hanno un effetto mitigante sul rischio finanziario stesso.

Il rischio finanziario e il rating bancario

Da cosa dipende il rating bancario?

È dato dall’analisi di tre sotto-insiemi di dati:

  • Dati di bilancio: analisi del bilancio aziendale, di cui abbiamo più volte sottolineato l’importanza,
  • Dati andamentali: monitoraggio periodico della propria centrale rischi,
  • Informazioni qualitative sull’impresa: predisposizione del fascicolo aziendale, per presentare in maniera più esaustiva l’attività.

La Centrale Rischi: definizione e utilizzo

Se, con l’introduzione di Basilea, il significato di “rating” è entrato anche nel gergo aziendale, la Centrale Rischi, che per le piccole imprese rappresenta uno degli elementi che incidono di più nella determinazione e aggiornamento del rating stesso, è ancora un argomento meno conosciuto e meno monitorato.

Questo anche perché è un documento tecnico non di immediata e facile comprensione.

In estrema sintesi potremmo dire che la Centrale Rischi è come fosse la visura finanziaria dell’impresa, che racconta i suoi trascorsi con il mondo bancario.

In gergo più tecnico la Centrale dei Rischi è un sistema informativo, gestito dalla Banca d’Italia, che raccoglie le informazioni fornite da banche e società finanziarie sugli affidamenti/finanziamenti (per la banca, crediti) e sulle garanzie che concedono ai loro clienti.

Perché le banche guardano la Centrale Rischi e non il bilancio d’Azienda?

Monitorare il bilancio aziendale in contesti in cui la situazione cambia in modo repentino e poco prevedibile potrebbe essere forviante: il bilancio del 2019 è completamente differente da quello del 2020, e di conseguenza dalla situazione attuale dell’Azienda. La Centrale Rischi, invece, viene aggiornata mensilmente, quindi dà un’indicazione precisa e puntuale della situazione dell’Azienda.

Come migliorare la propria posizione nella Centrale Rischi e quindi il proprio rating?

Per farlo, bisogna prima rispondere a queste domande in merito alla tua Azienda:

  • La gestione aziendale è in grado di assicurare risorse finanziarie tali da sostenere l’attività corrente e assicurarne lo sviluppo futuro?
  • È in grado di proteggersi dai rischi finanziari?
  • Il tuo sistema di reporting consente di fornire previsioni economico-finanziarie attendibili?
  • Sai massimizzare il valore della comunicazione finanziaria?

Trovare un modo per colloquiare con il sistema bancario può essere di vitale importanza; l’analisi della Centrale Rischi può essere lo strumento adatto per iniziare.

Sabina Ceola

Richiedi l’analisi gratuita
della tua azienda

Un primo screening per tua azienda per sviluppare insieme il percorso di efficientamento.

    Il tuo nome *
    Il tuo cognome *
    Il tuo indirizzo email *
    Il tuo numero di telefono
    Il tuo ruolo in azienda *
    Il nome dell’azienda *
    Il numero di Partita IVA *

    Prenota una call con i nostri esperti di Procurement e logistica, Finanza e controllo gestione, Supply Chain, Fabbrica intelligente.
    Ti sapremo consigliare al meglio.